11Marzo

Pensare al matrimonio: una festa prima di tutto!

Arriva per tutti un momento nella vita in cui si pensa al matrimonio.

C’è chi sostiene che non fa per loro e di conseguenza sceglie di non soffermarsi troppo sull’argomento e chi invece lo sente intimamente e decide che sarà la strada giusta da intraprendere. O almeno si spera!

Ma dal momento in cui si pensa di sposarsi all’atto vero e proprio di unione - civile o religiosa che sia - spesso passano dei mesi di preparativi, organizzazioni,  ricerche che snervano entrambi i futuri coniugi e, spesso, relativi parenti e amici.

E’ proprio il caso di dirlo: il matrimonio è uno stress! Ma non sempre.


Il primo vero suggerimento che possiamo dare è che il matrimonio è prima di tutto un fatto personale.

Molti sposi si lasciano travolgere dai consigli di parenti e amici e spesso si lasciano prevaricare.

Lasciate che siano i vostri cuori e il vostro modo di essere a guidare e ispirare l’organizzazione di una giornata così importante per le vite di entrambi.

Non sta scritto da nessuna parte che un matrimonio debba includere 100 persone, né che debba per forza essere in bianco o religioso, o altro ancora.

Il matrimonio sono due persone che si amano e si impegnano l’una nei confronti dell’altra a restare vicini per sempre (si spera), nella buona e nella cattiva sorte (speriamo sempre buona), in ricchezza e in povertà (magari anche una via di mezzo).

Il matrimonio è prima di tutto un giorno di Festa. Una festa che sarà un anniversario negli anni a venire, con i figli prima e i nipoti poi. Ed una festa prima di tutto si deve pensare di organizzare, il più vicino possibile al proprio modo di essere, perché solo così ne godrete appieno ogni attimo, perché solo così quella giornata non apparirà per nessuno dei due una forzatura.

Quindi non abbiate fretta e parlatene bene prima tra di voi. Vi assicuro che tra uomo e donna i punti di incontro saranno pochi, ma non scoraggiatevi, tutto rientra nella normalità della diversità tra uomo e donna. Venitevi incontro, “sposate” fin da subito anche le idee dell’altro che poco vi aggradano e cercate di venire a patti: un matrimonio, negli anni , è anche questo. Soprattutto questo.

Ponete in secondo piano i parenti: sanno essere un distillato di liti assicurate nei mesi a venire.

Concedetevi il lusso di organizzare una festa unicamente per voi stessi, pensando alle vostre esigenze di coppia e non abbiate timore di affrontare futuri suoceri o cognati. Loro, il loro matrimonio probabilmente lo hanno già organizzato, vissuto, mangiato e digerito da un pezzo ;)

Il matrimonio è l’unione di due diversità affinché una terza possa nascere sulla terra. E’ l’unione di due anime in un amore forte che abolisce ogni separatezza.
(Khalil Gibran)

Ed ora che vi siete dichiarati e fatti coraggio: buona fortuna!

Posted in Vatami